AEmilia

rito ordinario - primo grado

venerdì 22 settembre 2017

RASSEGNA STAMPA

’Ndrangheta e processo Pesci: a Brescia condanne per 120 anni - Corriere della Sera Brescia - 22 settembre 2017

Sentenza storica sulla mafia al Nord: 10 condanne per un totale di circa 120 anni a carico del boss della cosca di ‘ndrangheta Nicolino Grande Aracri e dei suoi affiliati

di Mara Rodella

A «certificarlo», adesso, è anche una sentenza che possiamo definire storica. La mafia c’è. Qui. Come una vicina di casa, se non inquilina. Condanne record per gli imputati del maxi processo «Pesci»: una storia a metà tra Mantova e Cremona, arrivata in aula grazie alla tenacia della Dda di Brescia (a sostenere l’accusa i sostituti Paolo Savio e Claudia Moregola). Il collegio — presidente Ivano Brigantini — ha deciso per dieci condanne e sei assoluzioni per un totale di circa 120 anni a carico del boss della cosca di ‘ndrangheta Nicolino Grande Aracri e dei suoi affiliati. Pesanti le contestazioni: estorsioni, minacce, detenzione abusiva di armi, con l’aggravante dell’associazione a delinquere di stampo mafioso.

 

Le condanne

La pena più alta va proprio a Nicolino Grandi Aracri: 28 anni. Due in meno al suo braccio destro trasferito a Pietole, Antonio Rocca; 4 anni alla moglie Deanna Bignardi e un anno e 9 mesi con la condizionale al figlio Salvatore. E ancora: 10 anni a Alfonso Bonaccio, 19 a Giuseppe Loprete, 4 anni e 6 mesi a Giacomo Marchio, 18 anni a Salvatore Muto, 4 ciascuno ai fratelli Ennio e Danilo Silipo. Assolti Gaetano Belfiore, Antonio Floro Vito, Moreno Nicolis, Antonio Gualtieri, Salvatore e Rosario Grande Aracri, fratello e nipote di Nicolino. Alle parti civili provvisionali per 270 mila euro: 70 mila all’imprenditore Matteo Franzoni e 200 mila all’associazione Libera.

Le reazioni

Poche parole dai pm titolari di questa inchiesta immensa: «Per Mantova e Cremona è tempo di una nuova speranza», hanno detto dopo il verdetto. Ricordando che per Nicolino Grande Aracri è la prima condanna per il 416 bis inflitta da un tribunale del Nord Italia. «In questo caso è stata riconosciuta una struttura mafiosa da lui capeggiata». Insomma, una «sentenza importantissima», pur di primo grado, per la quale «io e la collega Moregola siamo molto soddisfatti. So quanta fatica è costata a noi e alle forze dell’ordine». E lo sa anche Giuseppe Giuffrida, referente di Libera Brescia. «Condividiamo il pensiero dei pm: non si può essere felici dal momento in cui sono state inflitte sanzioni pesanti. Ma soddisfatti sì: è il giusto riconoscimento di un lavoro enorme, dello sforzo investigativo, della tenacia nel suo perseguimento. Nell’esclusivo interesse dello Stato». Non solo una condanna pesante, ma «il senso di una significativa liberazione: Mantova sa, quei territori così vicini al nostro sanno. Nessuno si volti dall’altra parte: se siamo arrivati qui è anche grazie a chi non l’ha fatto. E ha denunciato. Che sia da stimolo per una partecipazione concreta, fatta di serietà e coraggio, perché la sinergia tra lo Stato e la coscienza civica è l’arma migliore per sconfiggere le mafie. Si può: oggi sul piano giudiziario, ogni giorno nel contrasto culturale»

cliccare sulla foto per ingrandire e, se presente, su "GO TO LINK"

Gazzetta di RE dalla prima
Aemilia, un altro filone
In politica e TV per ripulirci
Catasto, interrogato un dirigente
Le prove nell'Ipad
Gazzetta di RE dalla prima
prosegue dalla prima
Barzellette in auto
Il processo si allunga
Crac IFIR
Non guariremo mai
Ferimenti nelle celle

Sito gestito in forma puramente volontaria a cura di: movimento Agende Rosse di Salvatore Borsellino - gruppo Mauro Rostagno - Modena