venerdì 22 settembre 2017

 

(causa impegni lavorativi sono impossibilitata a presenziare a tutte le udienze)

’Ndrangheta e processo Pesci: a Brescia condanne per 120 anni - Corriere della Sera Brescia - 22 settembre 2017

Sentenza storica sulla mafia al Nord: 10 condanne per un totale di circa 120 anni a carico del boss della cosca di ‘ndrangheta Nicolino Grande Aracri e dei suoi affiliati

di Mara Rodella

A «certificarlo», adesso, è anche una sentenza che possiamo definire storica. La mafia c’è. Qui. Come una vicina di casa, se non inquilina. Condanne record per gli imputati del maxi processo «Pesci»: una storia a metà tra Mantova e Cremona, arrivata in aula grazie alla tenacia della Dda di Brescia (a sostenere l’accusa i sostituti Paolo Savio e Claudia Moregola). Il collegio — presidente Ivano Brigantini — ha deciso per dieci condanne e sei assoluzioni per un totale di circa 120 anni a carico del boss della cosca di ‘ndrangheta Nicolino Grande Aracri e dei suoi affiliati. Pesanti le contestazioni: estorsioni, minacce, detenzione abusiva di armi, con l’aggravante dell’associazione a delinquere di stampo mafioso.

 

Le condanne

La pena più alta va proprio a Nicolino Grandi Aracri: 28 anni. Due in meno al suo braccio destro trasferito a Pietole, Antonio Rocca; 4 anni alla moglie Deanna Bignardi e un anno e 9 mesi con la condizionale al figlio Salvatore. E ancora: 10 anni a Alfonso Bonaccio, 19 a Giuseppe Loprete, 4 anni e 6 mesi a Giacomo Marchio, 18 anni a Salvatore Muto, 4 ciascuno ai fratelli Ennio e Danilo Silipo. Assolti Gaetano Belfiore, Antonio Floro Vito, Moreno Nicolis, Antonio Gualtieri, Salvatore e Rosario Grande Aracri, fratello e nipote di Nicolino. Alle parti civili provvisionali per 270 mila euro: 70 mila all’imprenditore Matteo Franzoni e 200 mila all’associazione Libera.

Le reazioni

Poche parole dai pm titolari di questa inchiesta immensa: «Per Mantova e Cremona è tempo di una nuova speranza», hanno detto dopo il verdetto. Ricordando che per Nicolino Grande Aracri è la prima condanna per il 416 bis inflitta da un tribunale del Nord Italia. «In questo caso è stata riconosciuta una struttura mafiosa da lui capeggiata». Insomma, una «sentenza importantissima», pur di primo grado, per la quale «io e la collega Moregola siamo molto soddisfatti. So quanta fatica è costata a noi e alle forze dell’ordine». E lo sa anche Giuseppe Giuffrida, referente di Libera Brescia. «Condividiamo il pensiero dei pm: non si può essere felici dal momento in cui sono state inflitte sanzioni pesanti. Ma soddisfatti sì: è il giusto riconoscimento di un lavoro enorme, dello sforzo investigativo, della tenacia nel suo perseguimento. Nell’esclusivo interesse dello Stato». Non solo una condanna pesante, ma «il senso di una significativa liberazione: Mantova sa, quei territori così vicini al nostro sanno. Nessuno si volti dall’altra parte: se siamo arrivati qui è anche grazie a chi non l’ha fatto. E ha denunciato. Che sia da stimolo per una partecipazione concreta, fatta di serietà e coraggio, perché la sinergia tra lo Stato e la coscienza civica è l’arma migliore per sconfiggere le mafie. Si può: oggi sul piano giudiziario, ogni giorno nel contrasto culturale»

​​

 

cliccare sulla foto per ingrandire e, se presente, su "GO TO LINK"

Sito gestito in forma puramente volontaria a cura di: movimento Agende Rosse di Salvatore Borsellino - gruppo Mauro Rostagno - Modena