- Appunti da un processo che riguarda noi tutti - trascrizione dell'intera udienza

martedì 4 luglio 2017

 

Riporto la trascrizione presa in diretta e pubblicata su Facebook.

WORK IN PROGRESS: provvederò prima possibile a "sbobinare" la trascrizione dell'udienza.

All'interno dell'udienza:

ESAME DI HEEGE CATERINA, moglie dell’imputato SCIDA DOMENICO A CURA DELLA DIFESA

CONTROESAME DI HEEGE CATERINA a cura del PM Mescolini e del presidente CARUSO

DICHIARAZIONE SPONTANEA DI SCIDA DOMENICO

ESAME DI FATTORI DANIELA

TANTI IMPUTATI RINUNCIANO ALL’ESAME

ESAME DI GRANDE ARACRI NICOLINO A CURA DELL’AVVOCATO PISANELLO E DEL PRESIDENTE CARUSO

ESAME DI D’AMICO MARTA, CONVIVENTE DI CARMINE ARENA, A CURA DEGLI AVVOCATI DELLA DIFESA

LA TESTE LOVATO ANNA NON SI PRESENTA – RINUNCIA DELLE PARTI ALLA TESTE

ESAME DEL TESTE EMANUELE DE MICHELI A CURA DEGLI AVVOCATI DELLA DIFESA

ESAME DEL TESTE EMANUELE DE MICHELI A CURA DEL PM MESCOLINI

 

Ore 9.15 in aula.

NDR: Importante ricordare che trascrivere tutto in “tempo diretto” sulla pagina FACEBOOK PROCESSO AEMILIA può portare ad errori e refusi che avremo modo di verificare solo in un secondo momento. Le trascrizioni riportate sul sito www.processoaemilia.com vengono pubblicate una volta apportati controlli e verifiche. Ricordiamo che tutto questo è frutto di puro lavoro volontario con l’unico intento di tentare di fare da “cassa di risonanza” ad un un processo dalle proporzioni storiche per la nostra regione. Noi faremo del nostro meglio. Grazie.

 

I tecnici stanno verificando i collegamenti con 7 siti esterni.

 

Oggi è prevista la testimonianza in videoconferenza di:

NICOLINO GRANDE ARACRI (condannato in primo grado a 6 anni e 8 mesi)

NICOLINO SARCONE (condannato in primo grado a 15 anni + 3 anni di libertà vigilata)

SILIPO ANTONIO (condannato in primo grado a 14 anni + 2 anni di libertà vigilata)

VILLIRILLO ROMOLO (condannato in primo grado a 12 anni e 2 mesi)

 

Ore 9.53 entra la Corte.

 

Presente dall’Aquila in videoconferenza Bolognino Michele.

Presente da Ascoli Piceno in videoconferenza di Ursini Mario.

Presente da Parma in videoconferenza Floro Vito Antonio (classe 80).

 

Si procede con l’elenco degli imputati e dei rispettivi avvocati.

 

Il tribunale ha chiesto alla società Verbatim che ha assunto dal primo luglio per la trascrizione dei verbali di fornire così come stato fino al 30 giugno uno stereotipista professionista. Ma c’è solo un fonico che provvederà elettronicamente alla trascrizione, quindi in due fasi. Prendiamo atto di questo inadempimento e sollecitiamo il fonico a svolgete al meglio la sua attività e rinnoviamo l’invito per la prossima udienza di uno stereotipista professionista data l’importanza del processo e che il verbale sia pronto in tempi rapidi garantendo le stesse prestazioni fin qui fornite. In caso di persistente inadempimento sostituire il fonico con un perito.

 

Entra in aula la teste Heege Caterina, moglie di Scida Domenico.

 

ESAME DI HEEGE CATERINA a cura della difesa

Heege Caterina. Nata in Germania a Dresda.

 

AVV: da quando conosce Domenico Scida

HEEGE:Nell’anno 1999. Sono residente in Germania.

AVV: che attività svolgeva suo marito e che attività svolge oggi?

HEEGE:Vende macchine.

AVV: sa chi è Cappa?

HEEGE:Cappa Salvatore non ricordo quando l’ha conosciuto 2004/2005 chiedeva delle macchine. Ogni tanto chiamava chiedeva delle macchine. Il signore è arrivato ha chiesto aiuto per una conoscenza per comprare del materiale edile, ha detto per un pagamento più veloce da una banca tedesca, è sufficiente aprire un conto corrente in Germania. Vai da lui così parlate in italiano senza che mi debba impegnare io.

AVV: le ragioni per le quali chiese questo contatto quali furono, che spiegazioni diede, chi è stato a chiedere il contatto con suo marito, la persona con il quale suo marito si interessava

HEEGE:Col signor Cappa

AVV: cosa chiese, qual’era la giustificazione

HEEGE:Voleva acquistare materiale edile in Germania

AVV; non poteva acquistarlo tramite richieste economiche che partivano dall’Italia?

HEEGE:Questo non lo so, non so le sue motivazioni.

AVV: il signor Cappa aprì il conto?

HEEGE:Sì

AVV: cercava un locale?

HEEGE:Un magazzino per depositare il materiale acquistato, avevamo un magazzino, c’era il posto libero dove vendevamo le macchine. Lo affittiamo per depositare il materiale.

AVV: ci fu contatto fra Cappa e suo marito per il magazzino

HEEGE:Sì, una vecchia stalla in una fattoria. Poi come so io il conto corrente è stato fatto, ma non è poi successo nulla, non si è interessato più.

AVV: ha mai versato importi per l’affitto?

HEEGE:No

AVV: come finisce poi il rapporto?

HEEGE:Quanto è durato non lo so dire, è passato del tempo, mezz’anno, non lo so 9 mesi qualcosa del genere

AVV: arrivavano dei documenti?

HEEGE:Delle lettere, arrivavano dalla banca

AVV: che fine hanno fatto?

HEEGE:Ce le abbiamo noi

AVV: presidente ci riserviamo di riprodurle

HEEGE:Alla fine ha chiamato spesso, tante volte, ha detto come dobbiamo fare, questo magazzino non lo prende, ha chiesto pure alla posta come può fare.

AVV: suo marito a un certo punto visto che i signor Cappa non si presentava cosa fa?

HEEGE:Va alla posta per chiedere come risolvere e loro hanno detto di togliere la cassetta della posta così viene mandata indietro la posta

AVV: dopo 6 mesi 8 mesi non arrivava più la posta

HEEGE:No perché l’ha tolto

AVV: ha revocato la domiciliazione

HEEGE:Sì

AVV: perché c’è anche un altro nominativo

HEEGE:Non so spiegare perché

AVV: ha messo un altro nominativo a vostra insaputa?

HEEGE:Io non lo sapevo

AVV: per quello che sa suo marito non ha avuto più contatti?

HEEGE:No

AVV: né tantomeno ha mai ritirato questa documentazione? Mai richiesta?

HEEGE:Una volta qualcosa, le prime volte, perché c’erano le carte bancomat, come ha detto mio marito, dopo di questo niente più

AVV: quindi il rapporto bancario tra Cappa e Geziola avvenne solo fra loro due, suo marito non ha dato nessuna garanzia, l’ha solo presentato?

HEEGE:Sì

AVV: bene avrei finito, chiedo l’acquisizione della documentazione.

CONTROESAME DI HEEGE CATERINA a cura del PM Mescolini e del presidente CARUSO

PM: quanto prima ha conosciuto Cappa?

HEEGE:2004/2005 non ricordo bene

PM: sono aperte o chiuse le lettere?

HEEGE:Chiuse

PM: di cosa si tratta, estratti conto?

HEEGE:Il mittente è la banca, se uno non ritira gli estratti conto ogni tre mesi viene spedito dalla banca, penso si tratti di estratti conto

PM: Salvatore Lerose le dice nulla

HEEGE:No

PM: da quanto lei potè capire questa fu una cortesia che suo marito fece a Cappa oppure era una azione commerciale comune?

HEEGE:Non capisco la domanda

CARUSO: questo cedere il capannone ed essere recapito del Cappa, fu una cortesia o un affare comune?

HEEGE:In che senso?

CARUSO: un accordo commerciale

HEEGE:Doveva pagare l’affitto

CARUSO: veniva fatto in comune con suo marito?

HEEGE:No no non c’entra niente.

PM: chiederei di dare conto di cosa c’è dentro

AVV: li hanno trovati e li hanno portati per la prima volta non sono mai stati aperti, si possono aprire

CARUSO: facciamo aprire i documenti al cancelliere

PM: Cappa aveva l’esigenza di trovare un rapporto bancario perché sarebbe stato più facile avere rapporti con gli altri soggetti commerciali tedeschi

HEEGE:Come ho capito io sì, un bonifico dall’Italia alla Germania ci metteva tanto tempo, mentre dalla Germania alla Germania…

PM: fin dall’inizio l’apertura del cc fu messa in connessione con l’apertura di una attività commerciale in Germania

HEEGE:Non so dirle, non c’ero

PM: lei dice che suo marito conosceva Cappa da qualche anno, solo per la rivendita delle auto

HEEGE:Solo per la rivendita delle auto

PM: di questo signor Lerose… che accompagnava Cappa?

HEEGE:Non mi dice niente, ho visto solo il nome e cognome sulle buste

PM: questi conti correnti furono intestati a chi?

HEEGE:Non so, a quei nomi li, se no non arriva la posta…

AVV: suo marito all’epoca dei fatti ha revocato la domiciliazione della posta, ma anche alla banca?

PM: mi opporrei sono affermazioni con richiesta di sì o no, sono suggestive

AVV: nel momento in cui suo marito non ha avuto più contatti con Cappa cosa fece per evitare che questi documenti arrivassero?

HEEGE:Ha tolto la cassetta della posta

AVV: basta?

HEEGE:Basta

AVV: così basta in Germania, in Italia è un po’ più…

CARUSO: così anche in Italia, se la posta torna indietro è irreperibile. Il postino che non trova luogo dove recapitare…

AVV: ha conosciuto un certo Bidignoli Andrea?

HEEGE:No

AVV: ha conosciuto Cappa?

HEEGE:Sì

AVV: si accompagnava con altre persone?

HEEGE:Non mi ricordo bene, c’erano una o due persone, io lavoravo, erano di passaggio

AVV: le hanno presentate queste persone?

HEEGE:No, non posso dire i nomi

 

CARUSO: I documenti che la difesa ha esibito, chiuse e sigillate, sembrano tutti documenti provenienti dalla Banca tedesca, ovviamente in tedesco. Da luglio, novembre, agosto 2012, febbraio 13, un documento che sembra un estratto conto, documenti bancari, Monaco di Baviera. Si parla di Oliverio Marco, in tedesco non possiamo capire, sembrano tutte comunicazioni bancarie. Gennaio 2013, dicembre 2012, la gran parte sono per Salvatore Lerose, Giuseppe Aiello, Salvatore Cappa

PM: sono due conti correnti diversi?

CARUSO: c’è una lettera ad Aiello, a Salvatore Lerose, lettera a mister Cappa, un altro estratto conto, codice è sempre lo stesso, il destinatario è Oliverio Marco. L’indirizzo è il vostro

Caterina Scida: Sì

CARUSO: qui c’è un altro conto… sono due conti, Aiello con un altro conto diverso, Cappa con un conto diverso, siamo a luglio 2012, Aiello gennaio 2013, Aiello dicembre 2012 col suo conto…. sono 3 conti correnti, stessa banca

PM: erano molte cassette con molti nomi?

HEEGE:Sì, come ricordo io sì

PM: il postino non trovando più i nomi cosa fa?

HEEGE:Lo rimanda indietro

PM: si tratta di una zona agricola

HEEGE:Una fattoria

PM: è necessario aprire una qualche garanzia per aprire un conto corrente?

HEEGE:Non mi ricordo se volevano.. un mio documento

PM: il periodo è piuttosto lungo, il progetto del magazzino a quale periodo lo possiamo far risalire

HEEGE:Non ricordo all’inizio sicuramente sì

PM: è mai stato fatto qualcosa di esecutivo

HEEGE:No mai niente

PM: non ho altre domande

CARUSO: quindi Cappa doveva prendere in affitto il magazzino, gliel’avete dato anche senza aver sottoscritto il contratto

HEEGE:Si doveva fare

CARUSO: lui l’ha utilizzato?

HEEGE:No

CARUSO: solo per la posta

HEEGE:Sì

CARUSO: quanto era grande

HEEGE:400 m2, una vecchia stalla

CARUSO: che voi non utilizzavate

HEEGE:C’era spazio libero, avremmo affittato una parte per un quarto… era ancora da chiarire, non è andata avanti

CARUSO: Cappa si è presentato?

HEEGE:A me personalmente no

CARUSO: luglio 2012

HEEGE:Sì, dopo niente più

CARUSO: quando ha visto arrivare la posta intestata a persone sconosciuto ha chiesto a suo marito chi fossero

HEEGE:No, noi abitiamo da un’altra parte

CARUSO: chi ritirava la posta

HEEGE:Mio marito, vedi che è arrivata la posta, ha chiamato Cappa

CARUSO: non le ha mai detto che c’era posta intestata a persone sconosciute

HEEGE:Non ho sentito dire… l’ha detto pure Cappa, questo sì, che ci sono altre persone

CARUSO: cosa faceva suo marito?

HEEGE:Eh, non so se aveva già iniziato a lavorare per laposta, lui vendeva macchine,io lavoravo

CARUSO: luglio 2012 / febbraio 2013 non ricorda cosa faceva suo marito

HEEGE:Mi sembra che lavorava per la posta

CARUSO: il capannone non era libero?

HEEGE:C’erano altre parti affittate, ha cominciato poi a… consegnava la posta alla posta, con il camion, per una azienda che lavora per le poste. Una parte l’aveva subaffittato il magazzino…

CARUSO: a chi vendeva queste macchine? A italiani?

HEEGE:A tutti

CARUSO: ricorda qualche nome di persone a cui ha venduto macchine?

HEEGE:Ci sono tanti, lo faceva come mestiere

CARUSO: qualche nome? Ha venduto macchine a Cappa?

HEEGE:No

CARUSO: non sa dire nessun nome di italiani

HEEGE:Non mi viene in mente

CARUSO: è plausibile… sa dirmi da dove venivano gli acquirenti, gli italiani

HEEGE:Da tutta l’Italia, lui acquistava le macchine in Italia e le vendeva in Germania.

CARUSO: suo marito di dov’è?

HEEGE:Mio marito è di Crotone

CARUSO: ha venduto a persone di Crotone

HEEGE:Negli ultimi 5/6 anni no

CARUSO: prima del 2012?

HEEGE:Sicuramente… però non so i nomi, non mi ricordo… siamo sempre stati in giro

CARUSO: non ha mai aiutato nel lavoro di vendita

HEEGE:Sì. Lavoravo con la commercialista, le fatture

CARUSO: va bene

AVV: semmai ci riserviamo di produrre queste fatture

PM: era usato per usato?

HEEGE:Sì, quasi solo usato

AVV: in Calabria c’è una concessionaria di autovetture e a chi era intestata

CARUSO: in Calabria ci sarà sicuramente

AVV: collegabile a suo marito

HEEGE:Sì, suo fratello ha una concessionaria a Crotone, vende macchine usate

CARUSO: può andare

TERMINA LA DEPOSIZIONE DI HEEGECATERINA

 

DICHIARAZIONESPONTANEA DI SCIDA DOMENICO

Mi trovo qua non volendo, ho conosciuto Cappa intorno a 15/20 anni fa e l’ho conosciuto in questa concessionaria a Crotone, nel 99 ho aperto la mia concessionaria di autovetture dell’usato. Per questo motivo ho conosciuto questa persona. Ero in ferie giù. Come stai so che vendi macchine…. Ci siamo scambiati i nomi, mi serve una cosa… poi mi ha chiamato un po’ di volte per delle macchine, ma non c’era la macchina che cercava, lui voleva macchine particolari. Ci comunicavamo al telefono così, come va, come stai… niente di più. Un giorno dopo tanti anni 2011/12 mi chiama, passa, era da solo… C’era una crisi spaventosa, voglio aprire una ditta qua (in Germania), gli ho detto fatti un conto e fatti un’azienda. Mi chiamò: facciamo un contratto… venne ….è andato lì… dopo ricevo una telefonata, avevano aperto questi conti, facciamo l’azienda, ci vuole un indirizzo in Germania per aprire il conto. Mettiamo l’indirizzo dell’officina tua, si chiamava Edil… roba di cose… non so… tutto qui, due settimane, ¾ settimane, cosa è successo, dopo tante settimane, vedi che è arrivata altra posta, aprila, la posta io non la apro, sono cose di banca, siamo rimasti così, passano i mesi, vengo la prossima settimana, vengo la prossima settimana, mi ero pure mezzo arrabbiato, non lavoravo ancora alla posta, sono andato in trasporti camion, autista per l’assicurazione famigliare, per essere assicurato devi avere la carta, se non non si può andare dal dottore o in ospedale. Poi non ci siamo sentiti per due o tre mesi… cosa possiamo fare? Il postino spesso mi ha detto me la rifiuti. Ho chiamato la banca per dire di non mandare più nulla perché l’azienda non si è fatta.

Scusatemi… sono sotto depressione… prendo delle pillole.

 

AVV: c’era la testimone, la direttrice della Cariparma, Fattori Daniela…rimetto gli impedimenti degli altri due testimoni

CARUSO: vediamo se sono attendibili altrimenti li mandiamo a prendere: notaio di Verona, impegni di lavoro, programmati da tempo

AVV: Lovato Anna è il teste che doveva comparire e che mi ha mandato la giustificazione

 

NDR: Entra Daniela Fattori

ESAME DI FATTORI DANIELA

CARUSO: lei non sa niente di queste vicende?

FATTORI:Sono in questa filiale da un mese, sono stata assunta da due mesi, per dovere sono venuta qui, ma non conosco i fatti

CARUSO: va bene può andare. Restiamo con il notaio De Micheli (verificare nome) e con Lovato.

AVV: la signora Lovato si trova presso la filiale di Unicredit

CARUSO: li mettiamo tutti e due in un’altra udienza… potrebbe venire oggi pomeriggio… noi lavoriamo tutto il giorno, se possono scegliersi un’ora in cui venire, anche oggi pomeriggio.

 

TANTI IMPUTATI RINUNCIANO ALL’ESAME

CARUSO: facciamo 5 minuti di pausa dopo iniziamo con quale videoconferenza? Chi si candida?

AVV: Grande Aracri Nicolino rinuncia

CARUSO: Non si potrà più ripresentare, chi c’è, c’è. Riprendiamo da Nicolino Sarcone.

NDR: Ore 11.15 facciamo una breve pausa

 

NDR: Ore 11.30 siamo in videoconferenza con Rebibbia

Sarcone Nicolino è presente in saletta.
Sarcone chiede di conferire col proprio difensore, l’avvocato Migale Ranieri.

 

CARUSO: chi intende fare esame per Sarcone? Bolognino e Valerio. Amato Alfredo e Brescia Pasquale, rinunciano all’esame del co-imputato.

 

SARCONE NICOLINO: mi avvalgo della facoltà di non rispondere

CARUSO: ha risposto prima della mia domanda, ma va bene comunque. Diamo atto che Sarcone viene congedato. Silipo Antonio possiamo?

 

CARUSO: possiamo procedere con Villirillo Romolo?

AVV: io rinuncio a Villirillo

CARUSO: Bolognino intende fare esame su Villirillo…. Non siete interessati?.... Rinuncia su tutto. Rimane solo Silipo. Pisanello ce l’ha in lista

AVV. Pisanello: rinunciamo formalmente

CARUSO: allora Villirillo non lo chiede più nessuno, altri difensori? Il Tribunale prende atto della rinuncia di tutti i difensori che lo avevano indicato. Non essendovi più richieste, revochiamo l’ordinanza e diamo comunicazione al sito dove Villirillo si trova. Non si intende procedere all’esame del co-imputato separatamente giudicato. Il collegamento può essere interrotto.

NDR: da Sassari danno conferma.

 

CARUSO: a questo punto facciamo Grande Aracri o stiamo fermi… fermi non si può stare… se dobbiamo aspettare Silipo dobbiamo andare avanti con Grande Aracri Nicolino. Chiamiamo Grande Aracri Nicolino.

 

NDR: appare in videoconferenza Grande Aracri Nicolino. Nicolino saluta con la mano e ride.

 

CARUSO: lei è co-imputato non per associazione di stampo mafioso, ma per altri reati collegati ai reati di cui ci occupiamo. Ha facoltà di non rispondere, se si avvale me lo dice subito

GRANDE ARACRI NICOLINO (GAN): voglio rispondere

CARUSO: qualunque cosa potesse dire potrà essere utilizzata nei suoi confronti

 

ESAME DI GRANDE ARACRI NICOLINO A CURA DELL’AVVOCATO PISANELLO E DEL PRESIDENTE CARUSO

Rinunciano tutti gli avvocati tranne l’avvocato Pisanello.

 

AVV: le chiedo nel 2012 ha gestito una attività di ristorazione?

GAN: Ristrutturazione di che cosa?

AVV :ristorante

GAN: No, assolutamente no

AVV: se non l’ha gestita, può aver investito dei denari in una attività?

GAN: No assolutamente no

AVV: conosce Bolognino Michele?

GAN:Tanti anni fa, moltissimi anni, poi l’ho visto un paio di volte nell’azienda, nella mia proprietà, con un altro ragazzo, è venuto con questa scusa, quando è venuto, mi trovavo….

AVV: volevo solo sapere se lo conosceva

CARUSO: a quando risale la conoscenza?

GAN:anni 80, fine 80, adesso non ricordo, era sposato a Papanice, in un paese vicino a Cutro

AVV: volevo leggerle una intercettazione per avere una sua spiegazione, presso la tavernetta di Grande Aracri del 4 gennaio 2013 di cui ci aveva parlato il maresciallo Gostoli nell’udienza del 3 maggio. Trascrizioni depositate presso il mio studio.

 

NDR: Il PM fa opposizione sulla modalità e i tempi della richiesta. Caruso fa procedere l’avvocato.

 

AVV: Rocca Antonio dice “portategliele e a lui che se la vede lui” GA Nicolino “quell’altro stroscio che ha fatto? Muto Salvatore: lui doveva dare i soldi? Era venuto per picchiarlo…. Gli abbiamo portato i soldi. Che dice che io avevo garantito che cazzo ho garantito lui non vuole pagare. GAN: però lo stro, non si deve permettere. Rocca: è venuto da me e me l’ha detto. GAN: tu gli dici non ti permettere di dire niente. E allora gli dici tu sei l’ultima ruota del carro, anzi neanche ci sei al carro. Rocca: infatti è venuto, hai visto che l’ho detto. Lei sa dirmi a cosa si riferiva questa intercettazione.

PM Ronchi: mi inserisco, chiedo scusa. In merito alle tempistiche. Chiediamo che in un altro momento possiamo essere così spediti. Ma a Brescia la vicenda ha avuto un suo percorso più noto all’avvocatessa che a noi. Quella che sta leggendo è la trascrizione dei carabinieri, dei consulenti della procura conferita nella perizia annullata, o quella ammessa? Perché ci opponiamo a tutto quello che è stato definito inutilizzabile.

AVV: ho letto la trascrizione integrale dei carabinieri della Lombardia, di Mantova. Ho accesso agli atti delle indagini preliminari.

CARUSO: ci dica cosa?

AVV: una trascrizione del 29 settembre 2015 ufficio dei CC di Mantova, noi chiediamo che faccia la trascrizione, la chiediamo in questo momento

PM Mescolini: non è mai stata trasmessa da Mantova

 

CARUSO: questa l’abbiamo già ascoltata

AVV: dal maresciallo Gostoli 3 marzo 2017, la ritroviamo nel verbale. Quindi ha memoria di questa conversazione?

GAN:sì ne ha parlato il maresciallo Gostoli a quel processo là, devo dire una cosa che probabilmente il PM ha ragione di quello che dice, perché questa trascrizione l’ha fatta la polizia giudiziaria, per queste trascrizioni negli atti di questo processo Aemilia trovate una denuncia per travisazione di tutta l’intercettazione, perché spesse volte il parlato e il trascritto non combaciano. Per questi motivi ho fatto una denuncia per travisazione, è pendente presso il GIP.

CARUSO: come devi interpretare questa risposta? Non si fida di questa trascrizione e non intende rispondere?

GAN:mi posso rispondere parzialmente, non è tutto in quel modo, è trascritta in un modo, ma il parlato è un altro. Prima ci sono state altre intercettazioni, non so se le avete. Covelli e Rocca avevano dei problemi di lavoro e loro due erano gli interlocutori di questi lavori. Il fatto lo avevo chiarito al processo di Mantova e li abbiamo chiariti questi punti. Rocca Antonio e Muto Salvatore lavoravano con una società di questo Covelli. Le società sono andate a male e in questa società ci lavorava anche un mio fratello, mio nipote e mio genero per 10/15 giorni.

CARUSO: i nomi?

GAN:cosa è successo, mio fratello Rosario, Salvatore il figlio e Belfiore Gaetano, c’è una crisi di lavoro, questi glia vevano promesso amio fratello che li facevano lavorare in un cantiere a Mantova. A mio fratello Covelli e Rocca gli avevano detto di fare un preventivo in quel territorio. Sono andati a lavorare nel frattempo. Il preventivo che avevano mandato nella società di Covelli e di Rocca, dice che era troppo alto e mio fratello ai prezzi che loro lavoravano non ci stava dentro e in questo modo non poteva lavorare, lascio il lavoro e mi pagate quello che ho fatto. Mio fratello, mio nipote e mio genero se ne sono andati. Di questo fatto stanno rispondendo al processo di Mantova. Loro dovevano avere i soldi di questi signori e i soldi non li davano mai.

AVV: la posso interrompere signor Grande Aracri?

GAN: prego

AVV: ha parlato di stroscio

GAN: una persona da niente, da nulla, uno che non vale niente

AVV: questo appellativo era riferito a Bolognino Michele?

CARUSO: questa è una chiarissima suggestione

GAN: non posso ricordare, non mi permetterei mai, soprattutto se era presente

AVV: non era presente

GAN: ah non era presente… sicuramente non si trattava di Bolognino, questo non lo posso dire, non lo so nemmeno il discorso che si faceva, qual’era il punto, è anche probabile che l’avrei detto… è un mio linguaggio, lo dico a più persone

AVV: non so se gliela devo rileggere….

CARUSO: faccia la domanda

AVV: che considerazione aveva di Bolognino, in relazione a questa intercettazione?

GAN: io non c’ho avuto a che fare, lo conoscevo di vista, è venuto a trovarmi a casa con una scusa e ha portato dei pasticcini, ci siamo conosciuti… lo conoscevo prima, nel 2012/2013 è venuto a casa per una scusa, secondo me era una scusa, perché era venuto con un ragazzo, non ricordo, della frazione di Papanice, probabilmente, perché aveva bisogno di legna da ardere. Stavo facendo dei lavori a un capannone dell’azienda ed è venuto lì. C’era un trattore vecchio e a lui interessava. Guarda è di mio fratello, vediamo. Sicuramente non se lo vende. Poi non lo abbiamo visto… è entrato nella mia tavernetta e abbiamo parlato del più e del meno. Mi dice che ha un ristorante, mi ha detto tante cose, cose che diceva, tutti questi lavori qua. Per me era uno così, non ho avuto a che fare con Bolognino , tutto qua.

AVV: Covelli aveva un debito nei confronti di Bolognino?

GAN: non ve lo posso dire, non lo so, se si sono incontrati e ne hanno parlato, non posso entrare nel merito, se aveva dei debiti, non lo so

AVV: ricorda se ha detto che Bolognino era l’ultima ruota del carro, anzi neanche carro

GAN: è probabile che l’ho detto, era un libertino, come si può dire, come la vedeva la cosa la diceva

AVV: cosa significa?

GAN: era uno, non era una persona di mia fiducia, parliamoci chiaro, non avevo stima, era un conoscente così, non un rapporto di amicizia, diciamo, anche se dicono che avevo una società col ristorante, ma assolutamente no, anche se sono stato condannato per questa cosa qua, non aveva nessuna società con questo ristorante. Ero da moltissimi anni in galera… poi ha cambiato gestione più di una volta, con questo ristorante….

AVV: è possibile appartenere a due consorterie?

GAN: assolutamente no il pentito dice che aveva a che fare con le due consorterie contrapposte, non può essere possibile. Nella cosca dei Grande Aracri deve stare nella cosca dei Grande Aracri

CARUSO: lei lo dice in astratto o perché esiste la cosca dei Grande Aracri?

GAN: è costruita dalla giustizia, io sono stato condannato

CARUSO: voglio sapere se esiste nella realtà

GAN: è inutile che dico di no, sono stato condannato per essere a capo dell’associazione, mi ritengo assolutamente estraneo e assolutamente innocente

CARUSO: se lei dice che la cosca non esiste nella realtà non può neanche dire se uno può appartenere a una o più associazioni, perché non esistono, se non esistono non può dire niente sulle cosche nonostante quello che dicono le sentenze

GAN: la cosca Grande Aracri è stata costruita a tavolino, prima del 2000 non c’era, io ho sempre lavorato, e hanno sempre lavorato tutti i Grande Aracri. Hanno costruito questa cosca. Fino al 2000 avevo il certificato antimafia. Io ero un grande allevatore

AVV: non ho altre domande

 

CARUSO: va bene la ringraziamo molto, signor GA si può accomodare

GAN: buona giornata e buon lavoro

TERMINA L’ESAME DI GRANDE ARACRI NICOLINO

 

CARUSO: ci fermiamo 5/10 minuti.

 
 
 
 
 
 
 
 

NDR: si procede all’esame dei testi negli interessi di Arena Carmine. La teste è giunta in tribunale con lo stesso imputato in quanto convivente.La teste intende rispondere.

 

ESAME DI D’AMICO MARTA, CONVIVENTE DI CARMINE ARENA, A CURA DEGLI AVVOCATI DELLA DIFESA

D’AMICO:D’Amico Marta, nata a Taranto, convivente di Carmine Arena.

AVV: ci può dire che tipo di rapporto aveva all’epoca nel 2000 fino attualmente, quando lo ha conosciuto?

D’AMICO:Nel 2010

AVV: il mese?

D’AMICO:Gennaio

AVV: quale tipo di rapporto?

D’AMICO:Amicizia e poi ci siamo frequentati

AVV: quando ha avuto inizio la convivenza

D’AMICO:All’inizio del 2012

AVV: il suo convivente frequentava la sala giochi Macao?

D’AMICO:Sì

AVV: lei la frequentava?

D’AMICO:Ogni tanto, insieme a lui

AVV: in che periodo?

D’AMICO:Da quando l’ho conosciuto fino a 2/3 anni fa in cui ho avuto il primo bimbo.

AVV: quando ha smesso?

D’AMICO:Nel 2014 non sono più uscita, non sono più andata in quel posto

AVV:quante volte siete andati?

D’AMICO:Parecchie volte, un paio di volte la settimana

AVV: come si comportava all’interno?

D’AMICO:Giocava, normale…. Prendevamo da bere, sigaretta, cose normalissime

AVV: perdeva o vinceva?

D’AMICO:Perdeva e vinceva

AVV: ha assistito a degli alterchi?

D’AMICO:Qualche diverbio con i ragazzi

AVV: avrei da mostrarle il repertorio di estrapolazione di foto effettuate dalla questura di RE squadra mobile in cui vengono riprese delle persone. Lei si riconosce in una di queste persone

 

NDR: Vengono mostrate le foto alla teste

 

D’AMICO:Sì sono io

AVV: dove si riconosce

D’AMICO:Nella seconda in basso. Riconosco anche Arena Carmine. Aveva più capelli, se li è rasati adesso.

AVV: ricorda di questa sera?

D’AMICO:Non ricordo

AVV: ha sentito esplodere dei colpi di arma da fuoco

D’AMICO:No, mi sarei ricordata

AVV: le foto sono redatte in merito alle visioni delle immagini registrate presso la sala giochi Macao. Lei conosceva la titolare della giocheria?

D’AMICO:No

AVV: mai vista?

D’AMICO:Forse l’avrò vista, ma non la conosco

AVV: non ho altre domande

 

CARUSO: altre domande? Grazie signora si può accomodare

TERMINA L’ESAME DI D’AMICO MARTA

 

NDR: L’avvocato della difesa chiede di acquisire i documenti di Edilpiovra dove si evince che per Arena Carmine non si procede.

PM Mescolini: chiederei di riprodurla tutta.

 

CARUSO: c’è rinuncia all’altro testimone e abbiamo esaurito questa attività. Ci rimane Silipo.

Vogliamo attivare il collegamento?

 

NDR: Rinuncia per Silipo Luigi, per Bolognino Michele.

 

NDR: Ci colleghiamo in videoconferenza con Silipo Antonio.

CARUSO: in quanto co-imputato ha facoltà di non rispondere, intende rispondere

SILIPO ANTONIO: non me ne voglia, io non so niente, mi avvalgo della facoltà di non rispondere, quando non si sanno le cose…

CARUSO: è un suo fondamentale diritto avvalersi di questa facoltà.

SILIPO ANTONIO: buona giornata

 

CARUSO: sospendiamo e riprendiamo alle 15

 

Ore 13: udienza sospesa per la pausa pranzo

Ore 15.15: riprende l’udienza.

 

CARUSO: può chiamare la teste Lovato?

NDR: la teste Lovato non è ancora arrivata.

 

Un collega dell’avvocato Filocamo chiede di poter spostare i testi all’udienza del 6 luglio. Caruso chiede che tipo di impedimento possa avere.

Non ha fatto in tempo a produrlo rispetto al cambio di data perché tutti i documenti sono a Reggio Calabria. Non ha la copia dell’invio.

 

CARUSO: a rigore non ha giustificazione, avrebbe dovuto dire a Reggio Calabria che giovedì è impegnato a Reggio Emilia. Noi stiamo lavorando da due anni.

 

CARUSO: Stiamo tenendo duro su tutte le posizioni… se molliamo, si mollano tutti. L’impedimento dell’avvocato Filocamo non è documentato e comunque che l’impegno dichiarato in relativo a un processo rinviato da precedente udienza a quella del 6 luglio nella quale l’avvocato Filocamo sapeva di essere impegnato nel processo Aemilia per tale motivo respinge l’istanza, rammentando che l’odierno procedimento e la sua complessità ha carattere di assoluta priorità su ogni altro procedimento.

Ci dobbiamo fermare in attesa che arrivino i testimoni. Ci rivediamo alle 16.

 

Ore 16.15 riprende l’udienza.

NDR: La signora Lovato non si è presentata.

CARUSO: con l’accordo delle parti rinunciamo alla teste.

 

Entra  teste Emanuele De Micheli

 

ESAME DEL TESTE EMANUELE DE MICHELI A CURA DEGLI AVVOCATI DELLA DIFESA

AVV: Conosce Bighignoli Andrea?

DE MICHELI: Sì, ho avuto rapporti professionali, portava qualche pratica. Il Bighignoli non so se fosse iscritto a quale albo, aiutava le persone a ricevere mutui.

AVV: ha stipulato un atto di compravendita fra Cappa e un altro soggetto per la vendita di un immobile a RE?

DE MICHELI:Sì una compravendita mutuo, la parte venditrice si presentava con la procura speciale di un altro notaio. A distanza di qualche mese mi ha chiamato un avvocato di RE e mi chiedeva dei riferimenti a questa persona perché questa persona non risultava esistente. In comune non esisteva un Celestino Sassi. Il giorno dopo sono andato dai CC a fare denuncia.  Non ricordo chi vendesse, una persona femminile credo….

AVV: che lavoro faceva Cappa?

DE MICHELI:Non lo so

AVV: ha fatto altri atti con l’intermediazione di Bighignoli?

DE MICHELI:Mi ha portato qualche pratica che siano riferiti a Cappa non glielo so dire. E’ una via di mezzo fra un agente immobiliare e un agevolatore creditizio. Aiutava le persone a trovare dei mutui. Non è che ho avuto frequentazioni da dire…

AVV: il Cappa presentato da Bighignoli, vendeva o acquistava? Stipulava mutui?

DE MICHELI:Me ne ricordo una o due volte in studio da me. Dirli i rogiti fatti, la memoria non mi aiuta

AVV: nessun’altra domanda

 

ESAME DEL TESTE EMANUELE DE MICHELI A CURA DEL PM MESCOLINI

PM: le chiedo uno sforzo di memoria. Di che anni parliamo?

DE MICHELI:2015/2014 se riferito a questo rogito, ho fatto denuncia a settembre di un paio di anni fa

PM: un fatto che coinvolge Cappa…

DE MICHELI:So perché è un cognome che mi risulta, Bighignoli lo conosco di più

PM: il fatto chi riguarda?

DE MICHELI:Sul fascicolo ho annotato Bighignoli come parte di chi aveva aiutato.

PM: Bighignoli compariva nell’atto… ha con se il fascicolo? Se il tribunale autorizza può visionarlo

CARUSO: facciamo portare il fascicolo

DE MICHELI:Non essendo un agende immobiliare non iscritto a nessun albo, quello che mi è capitato dopo la denuncia ho visto alcuni nomi che per forza centravano con questa pratica. …16 luglio 2013, nei mutui non bisogna scrivere se c’è stato un agevolatore creditizio. La procura era di una collega di Verona, marzo 2013, la parte proprietaria dell’immobile era Sparato Viola rappresentata da (nome incomprensibile). L’acquirente Sassi Celestino. Ho fatto la denuncia appena ho saputo. Ho il certificato del comune, la carta di identità… sono trasecolato e non ho potuto far altro che fare la denuncia dai CC.

PM: sintetizzando i rapporti che ebbe con Cappa, è un nome che le dice qualcosa, la vicenda del fondo patrimoniale, o una volta che l’avvocato gliel’ha detto…

DE MICHELI:In effetti sì, mi sembra di averlo fatto un fondo patrimoniale…

PM: perché le è rimasto in mente? Se avesse avuto una memoria…

DE MICHELI:Questa pratica mi ha tolto il sonno per tanto tempo, quando non riesco ad accertarmi della persona…

PM: del Bighignoli ha detto è un po’ un faccendiere, un facilitatore, difficilmente incasellabile, del Cappa?

DE MICHELI:Io a memoria l’ho visto in studio due o tre volte e lo ricollego a Bighignoli.

PM: lei è coinvolto per le vicende societarie di questi due soggetti?

DE MICHELI:A memoria non ricordo di aver fatto atti societari, ma la mia memoria ha dei limiti

CARUSO: domande? No grazie.

DE MICHELI:Volevo scusarmi per il ritardo arrecato alla Corte

 

CARUSO: direi che abbiamo concluso, ci vediamo giovedì alle 9 gli avvocati, alle 9.30 in tribunale

 

Ore 16.28: termina l’udienza

a cura di: S.N.

​​RASSEGNA STAMPA

cliccare sulla foto per ingrandire e, se presente, su "GO TO LINK"

 
 
 
 

Sito gestito in forma puramente volontaria a cura di: movimento Agende Rosse di Salvatore Borsellino - gruppo Mauro Rostagno - Modena